L’Orchestra Barocca Andrea Palladio (già Archicembalo Ensemble) è stata fondata a Vicenza nel 1989 da Enrico Zanovello.

Formata da artisti con lunga esperienza concertistica, si è imposta sin da subito per l’originalità delle scelte musicali, riscuotendo successo di pubblico e critica.

Sin dalla sua fondazione, alla base del percorso musicale, l’Orchestra collabora con numerosi artisti, cantanti e musicisti, nazionali ed internazionali, come Les Musiciens du Louvre, I Sonatori della Gioiosa Marca, l’Europa Galante, L'Arte dell'Arco, Concerto Koln, e formazioni molte note del territorio, la Schola San Rocco di Vicenza ed i Cantori di Santomio e altri.

Con il suo direttore, Enrico Zanovello, conduce una ricerca spesso volta alla scoperta di pagine musicali poco note e di autori veneti, proponendo prime esecuzioni in tempi moderni.

Il cuore centrale del repertorio di Coro e Orchestra Barocca Andrea Palladio, dal 2009, anno dell’anniversario della morte, è il repertorio di Georg Friedrich Handel, per soli, coro ed orchestra.

Sin dalla fondazione, Coro e Orchestra Barocca Andrea Palladio partecipa a concorsi, festival e rassegne musicali nazionali ed internazionali, raggiungendo importanti risultati.

Ha inciso CD, alcuni in prima esecuzione assoluta: i concerti di Giuseppe Sammartini per organo e orchestra, i concerti per violino e orchestra di Giovanni Meneghetti (1731-1794) con il violinista Giovanni Guglielmo, le sonate per clavicembalo/organo e violino di G.B. Grazioli con il violinista Enrico Casazza i “Mottetti e Salmi di A. Grandi. Nel 2014 è uscito in prima assoluta italiana, per l’etichetta Discantica, il CD “The Lord is my light”, con tre anthems di G. F Handel, per soli, coro ed orchestra.



Enrico Zanovello

La personalità artistica e musicale di Enrico Zanovello si è sviluppata attraverso un percorso molto vario e ricco di esperienze; accanto ai diplomi d’organo e clavicembalo con Stefano Innocenti e Andrea Marcon segue gli studi universitari nella facoltà di Lettere e Filosofia all'Ateneo di Padova.

La sua carriera artistica lo vede presente come concertista d’organo nei più prestigiosi festival europei e americani. Conduce una ricerca volta alla riscoperta e valorizzazione di compositori poco noti, lavora per l’edizione critica e la registrazione discografica in prima assoluta di opere come l’op. 3 di G.B. Grazioli, i Concerti di Giovanni e Gaetano Meneghetti, la Musica da camera di Gellio Coronaro ed altri.

Fonda e dirige fin dal 1989 l’Orchestra Barocca Andrea Palladio alla quale si affianca nel 2009 l’omonimo Coro. Con questa formazione è a capo di numerosi progetti musicali fra cui l’esecuzione dell’opera sacra per soli coro e orchestra di G. F. Handel del quale dirige al Teatro Olimpico di Vicenza, la prima esecuzione italiana dell’Anthem on the peace.

All’Opera House del Il Cairo dirige in prima assoluta la pantomima Pantalone e Colombina di W. A. Mozart a seguito della rivisitazione ed edizione in tempi moderni della partitura.

Numerose le collaborazioni con orchestre e direttori per l’esecuzione in veste di solista dei concerti per organo di Handel, Sammartini, Arne, Guilmant, Poulenc ed altri.

E’ membro di giuria di concorsi organistici ed è ideatore e direttore artistico del Festival Concertistico Internazionale “Organi storici del vicentino un patrimonio da ascoltare”.

Ha registrato 20 CD in veste di solista e direttore ricevendo premi e riconoscimenti da riviste specializzate europee come il premio "COUP DE COEUR" dalla rivista belga "Magazine de L'orgue", il giudizio “eccezionale” dalla rivista Musica per il CD Organi storici del vicentino e “Cd dell’anno” dalla Organists’ Review inglese per il CD La Passacaglia.

Chiamato spesso come consulente specializzato per il restauro di organi antichi e moderni, ha tenuto il concerto di inaugurazione per molti strumenti fra cui l’organo Rieger della chiesa di San Salvatore a Gerusalemme. E’ membro della commissione diocesana di Vicenza per l’arte organaria. E‘ docente titolare al Conservatorio di Vicenza.

Ha curato l’edizione moderna di opere di autori veneti del XVIII e XIX sec.